Petrolio torna sui minimi di gennaio

Nelle ultime 24 ore, il greggio è diminuito dell'1,72% chiudendo a 52,50 dollari al barile, dopo che il rapporto dell'EIA Information Energy Administration (EIA) ha riferito che le scorte di greggio USA sono aumentate di 2,4 milioni di barili, risultando a 438,9 milioni nella settimana terminata il 02 agosto. I timori per la tenuta dell'economia mondiale e dunque della domanda di greggio hanno spinto le quotazioni del Wti sui minimi dello scorso metà gennaio. Il contratto settembre al Nymex ha perso 2,54 dollari, il 4,7%, a 51,09 dollari al barile. Solo nelle ultime 5 seduta il greggio ha ceduto il 13%, tornando quindi in territorio "orso" (definito da un calo di almeno il 10% dall'ultimo massimo).

Durante la sessione asiatica, la quotazione del petrolio greggio è stata di 52,54$, in aumento dello 0,08% rispetto alla chiusura di ieri. In caso di storno down, la quotazione potrebbe trovare supporto a 50.79$ seguito da 49.04$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a 54,02$ seguito da 55,50$.

Nello stesso tempo, l'XAU/USD è cresciuto dell'1,70% chiudendo a 1510,40 dollari l'oncia. I mercati dell’oro hanno dato il via alla sessione di negoziazione di martedì oscillando al rialzo dopo che gli americani hanno definito i cinesi dei “manipolatori di valuta”, nel momento in cui i mercati dei futures erano chiusi, ma non appena il Globex è andato online e sui mercati è tornata l’offerta di sicurezza, è arrivata una scarica di ordini per raccogliere l’oro. Poche ore dopo, i cinesi hanno assicurato alle compagnie straniere che lo yuan cinese si sarebbe stabilizzato e scegliendo di non intensificare la guerra commerciale. In questo modo, e con lo yuan cinese che ha rallentato la corsa, il mercato ha ottenuto un po’ di respiro, finendo per vedere i mercati dell’oro ritirarsi. Leggermente più tardi nel corso della giornata, il mercato si è voltato per formare un lieve martello. Il mercato è straordinariamente rialzista, per cui non sorprendiamoci per nessuna di queste azioni, ma prestiamo molta attenzione ai motivi per cui si sono verificate.

Nella sessione asiatica, la quotazione dell'oro è stata di 1513,70$, in aumento dello 0,22% rispetto alla chiusura di ieri. In caso di discesa, la quotazione dell'oro potrebbe trovare un supporto a 1497.17$ seguito da  1480,63$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a 1526,47$ seguito da  1539,23$.

Questa analisi non intende essere un invito o un suggerimento ad operare, ma solo una personale e momentanea visione, dell'autore, relativa allo strumento finanziario in analisi.

FIBO Group

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere

i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdita di denaro. Il 58% dei conti degli investitori al dettaglio registra una perdita di denaro con il trading su CFD con questo broker. Si dovrebbe considerare la propria comprensione del funzionamento dei CFD e la propensione all'elevato rischio di perdita dei fondi.

IMPORTANTE: Si informa che i nostri servizi sono disponibili solo per Clienti Professionali. Il nostro Sito Web è al momento in fase di revisione per l'implementazione dei corrispondenti emendamenti.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.