Arabia Saudita, ha intensificato i tagli alla produzione a giugno
Apri conto demo
FOREX trading comporta seri rischi e può portare alla perdita del capitale investito

Analisi dei mercati finanziari e delle materie prime

Nelle ultime 24 ore, il greggio è cresciuto dell'1,61% chiudendo a 24,63 dollari al barile. I futures sul petrolio sono saliti più in alto martedì pomeriggio in Asia dopo che l'Arabia Saudita ha annunciato inaspettatamente che avrebbe intensificato i tagli alla produzione a giugno di un ulteriore milione di barili al giorno per aiutare a porre fine all'eccesso di offerta causato dalla diminuzione della domanda e da un temporaneo aumento della produzione di qualche mese fa. Una volta implementato il prossimo mese, l'Arabia Saudita ridurrà la sua produzione totale a 7,5 milioni di barili al giorno, circa il 40% in meno rispetto ai livelli di produzione di aprile. Il Kuwait e gli Emirati Arabi Uniti hanno anche deciso di tagliare la loro produzione di altri 180.000 barili al giorno in totale. I futures WTI degli Stati Uniti sono aumentati dello 0,91 per cento, a 24,36$ al barile. I future sul greggio Brent sono saliti dello 0,34 per cento a 29,73$ al barile dopo aver toccato oltre 30$ al barile all'inizio della sessione. I guadagni sono stati limitati dalle preoccupazioni che la seconda ondata della pandemia di coronavirus stesse iniziando in alcune aree e che la devastazione causata dal virus COVID-19 non abbia ancora avuto un prezzo completo. Molti analisti ritengono che la domanda di petrolio dovrebbe aumentare come globale le economie si riaprono gradualmente, ma poi si chiedono perché fossero necessari ulteriori tagli se la domanda è destinata ad aumentare. I numeri di inventario settimanali saranno rilasciati più tardi martedì dall'American Petroleum Institute. Mercoledì, la US Information Energy Administration rilascerà i suoi numeri.

Durante la sessione asiatica, la quotazione del petrolio greggio è stata di 24,49$, in diminuzione dello 0,57% rispetto alla chiusura di ieri. In caso di storno down, la quotazione potrebbe trovare supporto a 23.58$ seguito da 22.67$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a 25,49$ seguito da 26,49$.

Nello stesso tempo, l'XAU/USD è diminuito dello 0,74% chiudendo a 1699,40 dollari l'oncia. Nella sessione asiatica, la quotazione dell'oro è stata di 1701.90$, in aumento dello 0,15% rispetto alla chiusura di ieri. In caso di discesa, la quotazione dell'oro potrebbe trovare un supporto a 1691.67$ seguito da 1681,43$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a 1712,57$ seguito da 1723,23$.

Contemporaneamente, l'XAG/USD è diminuito dell'1,32% chiudendo a 15,67 dollari l'oncia. Nella sessione asiatica, la quotazione dell'argento è stata di 15,68$, in leggero aumento rispetto alla chiusura di ieri. In caso di discesa, la quotazione dell'argento potrebbe trovare un supporto a 15,49$ seguito da 15,31$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a 15,88$ seguito da 16,08$.

Wall Street ha chiuso contrastata, cancellando gran parte delle perdite di inizio seduta, con i titoli delle grandi aziende tecnologiche statunitensi che hanno nuovamente fatto da traino al resto del mercato. Il Djia ha perso 109,33 punti, lo 0,45%, a quota 24.221,99, S&P 500 ha guadagnato 0,39 punti, lo 0,01%, a quota 2.930,19, mentre il Nasdaq ha aggiunto 71,02 punti, lo 0,78%, a quota 9.192,34.

Questa analisi non intende essere un invito o un suggerimento ad operare, ma solo una personale e momentanea visione, dell'autore, relativa allo strumento finanziario in analisi.

FIBO Group

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere

i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdita di denaro. Il 58% dei conti degli investitori al registra una perdita di denaro con il trading su CFD con questo broker. Si dovrebbe considerare la propria comprensione del funzionamento dei CFD e la propensione all'elevato rischio di perdita dei fondi.

IMPORTANTE: Si informa che i nostri servizi sono disponibili solo per Clienti Professionali.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.