Petrolio greggio sale, dopo le perdite di venerdì.
Apri conto demo
FOREX trading comporta seri rischi e può portare alla perdita del capitale investito

Analisi dei mercati finanziari e delle materie prime

Nelle ultime 24 ore, la GBP è aumentata dello 0,19% rispetto al dollaro USA, chiudendo a 1,2935 di venerdì. Sul fronte dei dati macro, nel Regno Unito Markit Economics ha comunicato che a novembre l'Indice IHS PMI Manifatturiero e' sceso a 48,9 punti a novembre in calo dai 49,6 punti di ottobre e risultando però superiore alla lettura preliminare pari a 48,3 punti.

Durante la sessione asiatica, la coppia di valute GBP/USD è stata quotata di 1,2913$, in diminuzione dello 0,17% rispetto alla chiusura di venerdì. In caso di storno down, la coppia potrebbe trovare supporto a 1.2881$ seguito da 1.2848$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a 1,2944$ seguito da 1,2974$.

Nelle ultime 24 ore, il greggio è sceso del 4,61% chiudendo a 55,42 dollari al barile di venerdì. Qusta mattinata il petrolio greggio si sta riprendendo dopo aver subito delle perdite di venerdì 29 novembre, provocate dai segnali secondo cui i paesi dell'OPEC+, potrebbero concordare nella riunione di questa settimana, un'ulteriore riduzione della produzione di petrolio. Inoltre, l'attenzione si è concentrata sull'Arabia Saudita, leader del cartello, che avrebbe ridotto la propria produzione giornaliera di greggio dai 9,9 milioni di barili di ottobre a 9,85 milioni di barili a novembre, pur avendo margini più ampi di produzione in base agli accordi inseriti nel taglio coordinato della produzione della cosiddetta Opec+ (che comprende anche la Russia).

Il Wti guadagna 80 centesimi e si porta a 55,97 dollari dai 55,17 dollari di venerdì scorso, mentre il Brent a Londra segna 61,19 dollari, 77 centesimi in più (+1,2%) di venerdì. In caso di storno down, la quotazione potrebbe trovare supporto a 54.6767$ seguito da 53.2733$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a 57.8267$ seguito da 59.5733$.

Nello stesso tempo, l'XAU/USD  è aumentato dello 0,57% chiudendo a 14,44 dollari l'oncia di venerdì. Nella sessione asiatica, la quotazione dell'oro è stata di 1465.30$, in diminuzione dello 0,35% rispetto alla chiusura di venerdì. In caso di discesa, la quotazione dell'oro potrebbe trovare un supporto a 1458.63$ seguito da 1451,97$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a  1472,43$ seguito da 1479,57$.

Contemporaneamente, l'XAG/USD è salito dello 0,35% chiudendo a 17,11 dollari l'oncia di venerdì. Nella sessione asiatica, la quotazione dell'argento è stata di 17.005$, in diminuzione dello 0,58% rispetto alla chiusura di venerdì. In caso di discesa, la quotazione dell'argento potrebbe trovare un supporto a 16,92$ seguito da 16,83$, mentre in caso di rally, la prima resistenza si trova ora a  17.11$ seguito da 17,21$.

Wall Street ha chiuso l'ultima seduta della settimana e del mese di novembre in ribasso. Il Dow Jones ha perso lo 0,40%, l'S&P 500 lo 0,40% e il Nasdaq Composite lo 0,46%. Listini, caratterizzati da volumi ridotti per il clima semifestivo nel giorno del Black Friday all'indomani del Thanksgiving (che tradizionalmente dà il via agli acquisti natalizi), penalizzati ancora dai timori che i provvedimenti firmati da Donald Trump a sostegno dei manifestanti di Hong Kong possano compromettere il raggiungimento dell'accordo commerciale di fase 1 tra Usa e Cina.

Questa analisi non intende essere un invito o un suggerimento ad operare, ma solo una personale e momentanea visione, dell'autore, relativa allo strumento finanziario in analisi.

FIBO Group

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere

i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdita di denaro. Il 58% dei conti degli investitori al dettaglio registra una perdita di denaro con il trading su CFD con questo broker. Si dovrebbe considerare la propria comprensione del funzionamento dei CFD e la propensione all'elevato rischio di perdita dei fondi.

IMPORTANTE: Si informa che i nostri servizi sono disponibili solo per Clienti Professionali. Il nostro Sito Web è al momento in fase di revisione per l'implementazione dei corrispondenti emendamenti.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.