L'indice del dollaro USA è sceso oggi
Published on 26.04.2018 12:10

l'indice del dollaro USA è sceso di giovedì dello 0,1%, restituendo alcuni dei guadagni ottenuti ieri sulla scia dei crescenti rendimenti dei titoli statunitensi. L'euro è stato relativamente stabile in vista del principale evento di oggi, la decisione della politica monetaria della BCE, mentre sia l'australiano che il kiwi hanno continuato a collassare.

I mercati statunitensi hanno chiuso leggermente in rialzo ieri, con l'eccezione del Nasdaq Composite, che è sceso dello 0,05%, mentre il Dow Jones e lo S&P 500 sono cresciuti dello 0,25% e lo 0,18%. Per quanto riguarda oggi, i futures che seguono Dow e S&P puntano a un open leggermente inferiore, mentre quelli che seguono il Nasdaq 100 stanno lampeggiando in verde. L'Asia è stata mista, con il Nikkei 225 e il Topix giapponesi in rialzo dello 0,47% e dello 0,25% rispettivamente, mentre l'indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dell'1,39%. In Europa, i future che tracciavano i principali indici erano per lo più in territorio positivo.

I prezzi del petrolio sono in crescita oggi, Il greggio WTI e il Brent sono dello 0,35% e dello 0,45%, entrambi vicino ai massimi di tre anni e mezzo. I prezzi dell'oro si sono stabilizzati al livello più basso dal 22 marzo, in quanto un rafforzamento del dollaro USA ha pesato sul mercato. Lo XAU/USD è inizialmente salito mercoledì, ma non è riuscito nel passaggio, di conseguenza, il mercato ha cancellato i guadagni realizzati nella sessione precedente. Gli scambi durante la sessione asiatica sono stati tranquilli, in quanto gli investitori attendono gli incontri politici della Banca Centrale Europea.

Royal Dutch Shell ha chiuso il primo trimestre con utile ai massimi di oltre tre anni, in rialzo del 42%, grazie all'aumento di prezzi e produzione di greggio. Si prevede che Shell continui a generare utili e cash flow elevati, dopo aver superato il rivale Exxon Mobil, grazie a tagli dei costi e a maggiori efficienze.

 

La previsione precedente non e una guida diretta alle citazioni, ma solo un suggerimento.

FIBO Group

 

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Mar'yan Di Valentino

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere
×

Informativa sul rischio: Il trading forex in marginazione comporta un elevato livello di rischio e non è adatto a tutti gli investitori. L’elevato effetto leva a cui tale attività è soggetto può operare sia a vantaggio che a svantaggio del trader. Prima di decidere di fare trading è importante considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il proprio livello di esperienza e capacità di assumersi rischi. Esiste la possibilità di subire perdite di parte o tutto l’investimento iniziale, pertanto si invita a non rischiare più di quanto si è disposti a perdere. Si raccomanda di richiedere una consulenza finanziaria indipendente ove necessario.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.