Il dollaro colpisce 6 settimane
Published on 01.03.2018 12:20

Il dollaro USD ha registrato un massimo di sei settimane rispetto a un paniere di valute in vista dell'udienza del capo della Fed J. Powell davanti al Senate Banking Committee, il summenzionato massimo è arrivato soprattutto grazie ai guadagni dei giorni precedenti, dato che l'indice del dollaro non è cambiato molto nel corso della giornata.

I mercati statunitensi hanno chiuso in ribasso ancora una volta ieri, chiudendo il mese di febbraio su una nota incerta. Il Dow Jones ha spianato la strada al ribasso, crollando dell'1,5%, mentre lo S & P 500 ha ceduto l'1,1%. Il Nasdaq Composite è diminuito dello 0,8%, i future Dow, S & P e Nasdaq 100 sono tutti attualmente in territorio positivo, ma solo marginalmente. Gli indici giapponesi hanno perso il terreno, con il Nikkei 225 e Topix entrambi in calo dell'1,6%, a Hong Kong, l'Hang Seng è salito dello 0,3%. In Europa, i futures sono in rosso, segnalando che oggi i benchmark potrebbero andare più in basso.

Nei mercati dell'energia, i prezzi del petrolio sono aumentati marginalmente oggi, recuperando alcune delle notevoli perdite registrate ieri dopo i dati dell'inventario della VIA settimanali. Le scorte di greggio sono aumentate più del previsto, i prezzi del petrolio sono stati probabilmente anche pressati dal rimbalzo del dollaro statunitense ieri, nonché dal più ampio calo dei mercati azionari, che di solito pesa su materie prime sensibili al rischio come il petrolio. Nonostante un altro giorno rosso per le azioni statunitensi, un dollaro più forte è stato ancora una volta la forza dominante nel determinare l'azione dei prezzi per il metallo prezioso. L'oro continua a scivolare mentre i commercianti ipotizzano che il nuovo presidente della FED potrebbe essere più falco di Yellen.

 

La previsione precedente non e una guida diretta alle citazioni, ma solo un suggerimento.

Per favore, in caso di interesse, sulle nostre analisi e previsioni, sia tecniche che fondamentali possono andare alla nostra pagina del FIBO Group https://www.fibogroup.it/analytics-and-training/analytics/

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Mar'yan Di Valentino

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere
×

Informativa sul rischio: Il trading forex in marginazione comporta un elevato livello di rischio e non è adatto a tutti gli investitori. L’elevato effetto leva a cui tale attività è soggetto può operare sia a vantaggio che a svantaggio del trader. Prima di decidere di fare trading è importante considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il proprio livello di esperienza e capacità di assumersi rischi. Esiste la possibilità di subire perdite di parte o tutto l’investimento iniziale, pertanto si invita a non rischiare più di quanto si è disposti a perdere. Si raccomanda di richiedere una consulenza finanziaria indipendente ove necessario.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.