+357 25 030 930
I verbali della BCE di marzo
Published on 13.04.2018 15:36

L'euro ha sottoperformato ieri, dopo che i verbali della BCE di marzo sono stati percepiti come accomodanti. I responsabili politici hanno discusso i rischi al ribasso derivanti da una possibile escalation dei conflitti commerciali, esprimendo al tempo stesso preoccupazioni sul fatto che un apprezzamento dell'euro possa pesare sull'inflazione. Le valute legate alle materie prime sono tutte in prima fila oggi, con un dollaro australiano che guadagna lo 0,4% e raggiunge un massimo di un mese, mentre il NZD/USD è aumentato dello 0,2%, il CAD era anche marginalmente più alto rispetto al dollaro USA.

I futures che seguono Dow, S&P e Nasdaq 100 sono misti oggi, indicando un open leggermente più alto per il Dow, ma uno inferiore per S&P e Nasdaq 100. Oggi il sentimento di rischio è stato evidente in Giappone, con il Nikkei 225 e il Topix in aumento dello 0,55% e dello 0,6% rispettivamente, a Hong Kong, l'Hang Seng era praticamente invariato.

I prezzi del petrolio sono calati oggi, con WTI e il Brent in calo di quasi lo 0,3%. Questa modesta correzione è probabilmente dovuta al fatto che gli Stati Uniti potrebbero non attaccare la Siria, detto questo, bisogna notare che questa correzione è estremamente piccola rispetto alla spettacolare impennata dei prezzi del petrolio all'inizio della settimana, dopo che gli Stati Uniti hanno detto che colpiranno la Siria. Ciò suggerisce che sussistono ancora i timori che la situazione siriana possa avere un impatto sulla produzione petrolifera in altre parti del Medio Oriente, o che altri fattori fossero in gioco per spingere i prezzi più in alto negli ultimi tempi. I prezzi dell'oro sono scesi di 17,75$ l'oncia ieri, cancellando i guadagni ottenuti nella sessione precedente, quando il dollaro e le azioni hanno guadagnato dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha fatto marcia indietro sul suo suggerimento di un imminente attacco missilistico contro la Siria, che potrebbe portare a un più ampio conflitto tra Washington e Mosca. Lo XAU/USD ha esteso le sue perdite ed è tornato all'area 1336-1334$, dopo che il mercato si è immerso al di sotto del supporto chiave nel 1347-1345$.

 

La previsione precedente non e una guida diretta alle citazioni, ma solo un suggerimento.

In caso di interess esulle nostre analisi e previsioni, sia tecniche che fondamentali potete andare alla nostra pagina del FIBO Group https://www.fibogroup.it/analytics-and-training/analytics/

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Mar'yan Di Valentino

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere
×

Informativa sul rischio: Il trading forex in marginazione comporta un elevato livello di rischio e non è adatto a tutti gli investitori. L’elevato effetto leva a cui tale attività è soggetto può operare sia a vantaggio che a svantaggio del trader. Prima di decidere di fare trading è importante considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il proprio livello di esperienza e capacità di assumersi rischi. Esiste la possibilità di subire perdite di parte o tutto l’investimento iniziale, pertanto si invita a non rischiare più di quanto si è disposti a perdere. Si raccomanda di richiedere una consulenza finanziaria indipendente ove necessario.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.