I prezzi all'importazione negli Stati Uniti sono tornati a crescere
Published on 11.05.2018 16:36

I prezzi all'importazione negli Stati Uniti sono tornati a crescere ad aprile, dopo l'inatteso calo di marzo. Il dipartimento del Lavoro ha reso noto che l'indice è aumentato dello 0,3%, meno però di quanto atteso dagli esperti, ovvero lo 0,6 per cento. Il dato di marzo è stato rivisto da invariato a -0,2% in confronto a febbraio. Rispetto a un anno prima, i prezzi sono aumentati ad aprile del 3,3 per cento.

Euro in lieve risalita nel pomeriggio, a 1,1949 dollari in attesa dell'intervento del presidente della BCE Mario Draghi a un convegno sull'Europa a Firenze. Ieri, nel bollettino economico, l'istituzione ha ribadito la necessità di proseguire con gli stimoli monetari, nelle ultime settimane intanto si sono moltiplicati i segnali di moderazione della ripresa economica.

In Europa, il CAC 40 in Francia era in calo dello 0,3 percento a 5,520, mentre il DAX tedesco è sceso dello 0,3 percento a 12.986. L'indice FTSE 100 delle principali azioni britanniche era inferiore dello 0,1% a 7.696.

In Asia, Nikkei 225 è salito dell'1,2 percento chiudendo a 22.758,48, mentre il Kospi della Corea del Sud ha aggiunto lo 0,6 percento a 2.477,71. L'Hang Seng di Hong Kong è salito dell'1,0 percento a 31,122.06, lo Shanghai Composite è scivolato dello 0,4 percento a 3,163.26, l'S&P/ASX 200 australiano è sceso dello 0.1 percento a 6.116.20.

I prezzi del petrolio sono aumentati dell'1,5%, mentre quelli dei prodotti non petroliferi sono cresciuti dello 0,1 per cento. Gli Stati Uniti importano circa 2.700 miliardi di dollari di beni e servizi ogni anno, circa il 16% del PIL. Attualmente il WTI è scambiato vicino a 71,50 $, appena sotto il massimo di tre anni e mezzo a 71,89 $ registrato mercoledì. Nei metalli preziosi, i prezzi dell'oro sono aumentati dello 0,26%, scambiando quasi 1,325 $ per oncia.

La previsione precedente non e una guida diretta alle citazioni, ma solo un suggerimento.

FIBO Group

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Mar'yan Di Valentino

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere

i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdita di denaro. Il 72% dei conti degli investitori al dettaglio registra una perdita di denaro con il trading su CFD con questo broker. Si dovrebbe considerare la propria comprensione del funzionamento dei CFD e la propensione all'elevato rischio di perdita dei fondi.

×

AVVISO SUI RISCHI: i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdita di denaro. Il 72% dei conti degli investitori al dettaglio registra una perdita di denaro con il trading su CFD con questo broker. Prima di decidere di tradare, sarebbe opportuno considerare la propria comprensione di come funzionano i CFD, i propri obiettivi di investimento, il proprio livello di esperienza e il rischio che si è pronti a prendere. Esiste la possibilità che si possa incorrere in perdite di parte o del totale dell'investimento iniziale. Si è pregati pertanto di cercare un consiglio finanziario indipendente qualora necessario.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.