+357 25 030 930
EUR/USD ha iniziato la settimana con piccole perdite
Published on 30.04.2018 16:42

EUR/USD ha iniziato la settimana con piccole perdite, nella sessione del lunedì la coppia è stata scambiata a 1.2118, in calo dello 0,10%. Sul fronte del rilascio, le vendite al dettaglio tedesche sono diminuite dello 0,6%, ben al di fuori della stima dello 0,8%, più tardi nel corso della giornata, la Germania rilascia CPI preliminare, con una stima di -0,1%. Continuano a crescere redditi e spese per consumi degli statunitensi, nel terzo mese dopo l'entrata in vigore della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Commercio, le spese per consumi sono salite a marzo dello 0,4% rispetto al mese precedente, in linea con le stime, mentre i redditi personali sono cresciuti dello 0,3 per cento, deludendo le attese (+0,4%). Il tasso di risparmio si è attestato al 3,1%, in ribasso dal 3,3% di febbraio.

La misura preferita dalla Federal Reserve per calcolare l'inflazione, il dato Pce (personal consumption expenditures price index), è cresciuta dello 0,2% a marzo su base mensile, mentre su base annuale è salita del 2 per cento. La componente "core" del dato, depurata dagli elementi volatili, è salita dello 0,2% su base mensile e dell'1,9% su base annuale.

Le banche della zona euro hanno continuato a tagliare la massa di crediti deteriorati nell'ultimo trimestre dell'anno scorso, alleggerendo i bilanci dal fardello che ha pesato sulla crescita e sugli utili bancari. E' quanto emerge dai dati della Bce, secondo cui l'ammontare di sofferenze nelle banche vigiliate da Francoforte è sceso a 721 miliardi di euro alla fine dello scorso anno da 759 miliardi dell'anno precedente, con progressi in tutti quei paesi dopo il problema dei crediti deteriorati è più sensibile come Italia, Spagna, Irlanda, Portogallo e Grecia.

Il benchmark europeo STOXX 600 è salito marginalmente dello 0,11% alle 09.00 GMT, trovandosi nel verde per il terzo giorno consecutivo, il blue chip Euro STOXX 50 è salito dello 0,16%, mentre il tedesco DAX 30 e il francese CAC 40 si sono mossi più in alto dello 0,18%, il FTSE 100 britannico è salito dello 0,38%. Negli Stati Uniti, l'indice S&P e il Dow Jones sono attualmente nel verde.

La previsione precedente non e una guida diretta alle citazioni, ma solo un suggerimento.

FIBO Group

Il materiale pubblicato su questa pagina e' prodotto da Fibo Group Holdings, e non dovrebbe essere interpretato come consiglio di investimento ai fini della Direttiva 2004/39/EC; inoltre, non e' stato predisposto in conformita' ai requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non e' soggetto ad alcun divieto di affrontare in futuro la disseminazione della ricerca degli investimenti.

Mar'yan Di Valentino

Analista

Il miglior modo per vincere é imparare a non perdere
×

Informativa sul rischio: Il trading forex in marginazione comporta un elevato livello di rischio e non è adatto a tutti gli investitori. L’elevato effetto leva a cui tale attività è soggetto può operare sia a vantaggio che a svantaggio del trader. Prima di decidere di fare trading è importante considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il proprio livello di esperienza e capacità di assumersi rischi. Esiste la possibilità di subire perdite di parte o tutto l’investimento iniziale, pertanto si invita a non rischiare più di quanto si è disposti a perdere. Si raccomanda di richiedere una consulenza finanziaria indipendente ove necessario.

Avviso Importante
Facendo clic su “Continua” verrai reindirizzato al sito internet di proprietà della FIBO Group LTD, una società registrata nelle Isole vergini britanniche e regolamentata dalla FSC. Puo' leggere le condizioni del Contratto Cliente al link. Fai clic su “Annulla” per rimanere su questa pagina.